Via Hermada, 8 – 20162 Milano -

News
Nessun spettacolo in programma

BE.FESTIVAL | 25 maggio

incontro bart per sito

 

Ore 15.00 – 17.00
A LEZIONE DI SCENA CON RENATO SARTI. PROVA APERTA DI MATILDE E IL TRAM PER SAN VITTORE

 

 

Spettacolo di grande passione civile, Matilde e il tram per San Vittore, rappresenta la sintesi più esatta di quel legame privilegiato e proficuo tra teatro e storia. Dalle pagine del libro di Giuseppe Valota, Dalla fabbrica ai lager, Renato Sarti ha costruito un testo che dà voce all’orrore della deportazione nei lager dei lavoratori delle fabbriche dell’area nord di Milano, alla disperazione delle loro madri, mogli, sorelle e figlie, con l’immediatezza espressiva e la potenza evocativa della parola che solo il linguaggio del teatro può rendere possibile. La scena finale dello spettacolo racchiude l’esito del laboratorio teatrale effettuato presso l’I.C. Don Milani di Monza nel 2018, grazie al quale due delle allieve partecipanti hanno avuto la possibilità di prendere parte alla messa in scena che ha debuttato al Piccolo Teatro dove verrà nuovamente ripreso dal 28 maggio al 9 giugno. Alla maniera del regista francese Louis Jouvet, il regista Renato Sarti si soffermerà con le interpreti sulla scena finale di Matilde e il tram per San Vittore, proponendo la sua personale “lezione di scena” attraverso una prova aperta dello spettacolo.

Il laboratorio offrirà un approfondimento sul percorso che ha guidato il testo alla sua trasposizione sulla scena, tra testimonianza storica e arti sceniche.
Durata: 2 ore | Destinatari: insegnanti, studenti, allievi delle scuole di teatro | Numero massimo partecipanti: 180
Il laboratorio è a titolo gratuito e non è richiesta pregressa esperienza in ambito teatrale.
Per iscriversi inviare una mail con oggetto “partecipazione laboratorio Matilde” indicando il proprio nome,
cognome, scuola di riferimento, recapito telefonico a territorio@teatrodellacooperativa.it

stratagemmi

 

 

Ore 16.00 – 18.00 / Foyer
EDUCARE ALLO SGUARDO
Laboratorio a cura di Stratagemmi-Prospettive Teatrali

 

BE_LETTERS

 

 

Ore 17.00
INCONTRO LE VOCI DELLA STORIA: TRA PALCOSCENICO E REALTÀ

 

Un momento di confronto sulle molteplici possibilità di espressione della storia attraverso il linguaggio performativo a partire dal caso-studio offerto dal progetto Last Letters from the World Wars. Portato avanti dal giovane ricercatore Giovanni Pietro Vitali, il progetto Last Letters ha come obiettivo l’analisi linguistico tematica delle ultime lettere dei condannati a morte della prima e seconda guerra mondiale. La sua diffusione ha potuto contare sul sostegno convinto di attori professionisti, allievi attori e studenti delle scuole di I e II grado i quali, hanno accettato la scommessa di registrare un video delle letture delle lettere – poi confluiti sulla piattaforma Youtube dedicata – facendosi testimoni in prima persona di una memoria che non può e non deve cadere nell’oblio.
Intervengono:

GIOVANNI PIETRO VITALI (Marie Curie European / University College Cork)  – “Last Letters from the World Wars”
LAURA BRAZZO (Ricercatrice) “’Partiamo questa notte per ignota destinazione…’ Ultime lettere e messaggi di deportati ebrei”.
IGOR PIZZIRUSSO (Istituto Nazionale Ferruccio Parri) “Parole e documenti. La ricerca mai conclusa degli ultimi scritti di condannati a morte della Resistenza”
ANGELO LONGHI (A.N.P.I.) “Come trasmettere la memoria dopo la sparizione dei testimoni diretti”
MARI PAGANI (ANED Nazionale – ANED Sesto San Giovanni) “Matilde e il tram per San Vittore: il lavoro dell’ANED con il Teatro della Cooperativa”
VINCENZO SARDELLI (Giornalista e critico teatrale) “La scuola: teatro civile da fare, teatro civile da fruire”

 

logo tdc x sitoOre 18.30
I.C. FRANCESCHI/TEATRO DELLA COOPERATIVA
Video-letture tratte da Last Letters
Drammaturgia e regia di Simona Medolago

Con gli allievi del laboratorio teatrale condotto dal Teatro della Cooperativa dell’ I.C. Franceschi
Gli studenti e le studentesse dell’I.C. Franceschi, al termine di un percorso che li ha visti incontrare Giuseppe Valota (storico e figlio di un deportato) e li ha portati ad assistere alla storia della
partigiana Lia (Gina Galeotti Bianchi), si fanno testimoni delle ultime parole di condannati a morte della Seconda Guerra Mondiale attraverso mezzi e linguaggi propri della comunicazione dei più
giovani. Brevi registrazioni video, raccolti in una piattaforma online. Messaggi d’addio, d’amore, di preghiera, messaggi lanciati nel web e destinati a incontrare, chissà, interlocutori inaspettati.
Chi raccoglierà il loro testimone?

friselleria

 

Ore 19.00 / Foyer
APERITIVO a cura di FRISELLERIA SALENTINA ON THE ROAD

 

Uno street food di qualità firmato Friselleria Salentina On The Road che propone prodotti tipici della tradizione culinaria salentina: taralli, vino, olive e soprattutto la frisella, che puoi trovare di grano duro, orzo, integrale o ai cereali. Infine scegli il condimento e gusta la natura!

Dedalus_Logo_esecutivo-1Ore 21.00
DEDALUS 
 01 Una tragedia italiana

Drammaturgia e regia di Maurizio Brandalese
Con gli allievi del laboratorio teatrale della scuola Dedalus

“Genova non sa ancora niente, lenta agonizza, fuoco e rumore. Ma come quella vita giovane spenta, Genova muore. Per quanti giorni l’odio colpirà ancora a mani piene.” (Francesco Guccini).
Uno spettacolo che racconta una tragedia moderna che è già storia. Una storia con una triste e scomoda verità che molti vorrebbero dimenticare, come se quella tragica società non appartenesse loro. Un teatro che fa l’occhiolino al documento. La narrazione, ben strutturata e ricca i dati, invita alla riflessione: in scena le voci di giovani attori tentano di aprire gli occhi a chi a lungo li ha tenuti chiusi o a quelli che, distrattamente, li hanno appena socchiusi.

A seguire premiazione dello spettacolo vincitore

  • googleplus
  • linkedin
  • pinterest
Aggiungi appuntamento
Nessun spettacolo in programma