Via Hermada, 8 – 20162 Milano -

Mostre
19 novembre 2018

Mai + | prolungata fino a domenica 11

il sisma tra volti e macerie

mai

 

 

 

 

 

 

 

Claudio Colotti, un testimone con in mano una fotocamera e il desiderio di dar voce a chi il terremoto lo ha vissuto sulla propria pelle.

Questo ha deciso di diventare la mattina del 30 ottobre 2016, quando una scossa di magnitudo 6,5 ha devastato il Centro Italia e sconvolto le vite di 40.000 persone.
Assieme ad altri colleghi, cercò di raggiungere i principali borghi dell’entroterra maceratese dai quali arrivavano notizie allarmanti. Col passare delle ore, i borghi dilaniati si trasformavano in Zone Rosse inaccessibili. La sensazione era di camminare all’interno di piccole città fantasma.
Nel mondo dell’informazione in tempo reale e dei social, non c’è spazio per le storie delle persone, per un approfondimento capace di trasmettere la reale portata di una catastrofe del genere. Così Colotti decise che sarebbe ritornato sulle montagne per documentare i danni ma, soprattutto, per raccontare l’impatto emotivo e relazionale che il sisma aveva causato in coloro che avevano perso case e proprietà, non solo di valore economico, ma anche legate ai propri ricordi e alla propria identità.
Un viaggio fotografico di due mesi e mezzo tra Marche, Umbria e Abruzzo, a contatto con gli sfollati nei centri di accoglienza e nei campeggi, con gli allevatori senza più le stalle dove ricoverare il bestiame, ma anche con quelle persone che eroicamente non hanno voluto abbandonare i loro territori, decidendo di sfidare l’inverno nelle roulotte e nei camper.

Non un inverno qualsiasi, l’inverno del nevone, quello della tragedia di Rigopiano.

Un fotoreportage per rendere l’Italia centrale più vicina ai luoghi del potere, dove si prendono le decisioni e dove si parla di ricostruzione. Ricostruire quindi con procedure, scelte tecniche e urbanistiche tali da far sì che tragedie come queste, non accadano “Mai più”.
MARCHEBESTWAY è l’associazione culturale fondata nel 2015 da professionisti della comunicazione, Chiara Crisoliti, Massimo Macellari, Riccardo Ruggeri, Luca Michetti per valorizzare il territorio, le capacità imprenditoriali e creare sinergie tra loro. Con il fotografo Claudio Colotti hanno creato il prodotto editoriale FOTOLIBRO MAI+ che raccoglie 95 immagini. Il ricavato della vendita della prima edizione del libro è stata devoluto alle popolazioni di Pievetorina Ussita e Visso tramite associazioni formatesi nel territorio colpito dal sisma per aiutare progetti rigeneratori del tessuto sociale. Nella seconda edizione da oggi in ristampa sosterrà il territorio per il progetto scuola di Muccia . La realizzazione del libro è stata possibile grazie all’aiuto dell’azienta IPR spa di Civitanova, che ha voluto festeggiare i suoi 40 anni di attività sostenendo questa iniziativa a favore delle popolazioni colpite.

Un progetto che continui nel tempo la raccolta di fondi per il territorio.

  • googleplus
  • linkedin
  • pinterest
Aggiungi appuntamento
19 novembre 2018