Via Hermada, 8 – 20162 Milano -

Spettacoli prosa Stagione 2018/19
19 novembre 2018

La terra tremano | 25-28 ottobre

TERRA 300X300

 

di e con Giorgio Felicetti
produzione EstEuropaOvest

Se da una crepa riesce a passare un raggio di luce, da lì io guardo il mondo che verrà.

Da crisi finanziaria, da perdita di lavoro, da tradimento affettivo, da nascita, da morte: terremoti.

Poi, all’improvviso, ti capita di vivere la più grave crisi sismica degli ultimi trecento anni e quella parola non la usi più, perché ne capisci il senso profondo.

Una storia potente come la natura e importante come la vita.

Una storia di luoghi bellissimi, come le montagne degli Appennini.

Una storia di molte persone, di abbracci, di sogni, di sorrisi, di pianti.

Questa storia racconta un dopo possibile.

 

ACQUISTA ONLINE  ORARIO SPETTACOLI, PRENOTAZIONI INFO BIGLIETTI

 

mai

Durante i giorni di spettacolo, sarà allestita nel foyer la mostra MAI +, il sisma nel Centro Italia tra volti e macerie di Claudio Colotti, “testimone con in mano una fotocamera e il desiderio di dar voce a chi il terremoto lo ha vissuto sulla propria pelle”.

Nel mondo dell’informazione in tempo reale e dei social, non c’è spazio per le storie delle persone, per un approfondimento capace di trasmettere la reale portata di una catastrofe del genere. Così Colotti ha deciso di raccontare l’impatto emotivo e relazionale che il sisma aveva causato in coloro che avevano perso case e proprietà, non solo di valore economico, ma anche legate ai propri ricordi e alla propria identità.

Un viaggio fotografico di due mesi e mezzo tra Marche, Umbria e Abruzzo, a contatto con gli sfollati nei centri di accoglienza e nei campeggi, con gli allevatori senza più le stalle dove ricoverare il bestiame, ma anche con quelle persone che eroicamente non hanno voluto abbandonare i loro territori, decidendo di sfidare l’inverno nelle roulotte e nei camper.
Non un inverno qualsiasi, l’inverno del nevone, quello della tragedia di Rigopiano.
Un fotoreportage per rendere l’Italia centrale più vicina ai luoghi del potere, dove si prendono le decisioni e dove si parla di ricostruzione. Ricostruire quindi con procedure, scelte tecniche e urbanistiche tali da far sì che tragedie come queste, non accadano “Mai più”.

 

 

  • googleplus
  • linkedin
  • pinterest
Aggiungi appuntamento
19 novembre 2018